UN OCCHIO DI VETRO | Miren Agur Meabe | Nuova pubblicazione su Libe Edizioni

Un occhio di vetro - coverLIBE EDIZIONI pubblica un nuovo testo dalla letteratura basca: Un occhio di vetro di Miren Agur Meabe. Il testo è una confessione biografica vera e bugiarda allo stesso tempo, che assomiglia a un diario intimo ma che è qualcosa di più. È stato scritto compilando un foglio al giorno e la voce che ci parla tra queste righe pensa che l’autoriflessione possa essere sia il punto di partenza sia l’obbiettivo della creazione.

L’occhio di vetro ha una doppia dimensione in questo racconto: da una parte è un tratto caratteristico e personale, dall’altra è il simbolo generale di tutte le cose che si perdono durante la vita. Ed è così che la protagonista si presenta come un soggetto attivo che desidera, non come oggetto che vuole essere desiderato, in grado di approfittare di un momento di crisi per riflettere sul passato e per proiettare un futuro pieno di speranza. “La vita è un vestito che prende forma mentre viene cucito pezzo a pezzo.

_______________________________

LIBE EDIZIONI argitaletxeak Miren Agur Meabe idazlearen Kristalezko begi bat liburua argitaratu du italieraz. Un occhio di vetro aldi berean egiazko eta gezurrezko aitorpena da, egunkari intimoaren antza izanik beste zeozerrera heltzen dena.  Egunero folio bat betetzen idatzia da liburua eta lerro artetik mintza zaigun ahotsaren ustez, hausnarketa abiapuntu eta sormenaren helburu izan daiteke.

Kristalezko begi bat liburua dimentsio bikoitzeko kontakizuna da: alde batetik traza berezkoa eta personala. Eta bestalde, bizitzan zehar galtzen diren gauza guztien sinbolo orokorra. Honela,  protagonista  agertzen zaigu desiatzen duen sujeto bezala eta ez desiatua izan nahi duen objetu. Krisi momentu batetaz baliatuz, iraganaz hausnartzerakoan, itxaropenezko etorkizuna proiektatzeko kapaz dena.

 

I commenti sono chiusi.