@roma basco – euskaraz Myriam Ayzager

sabato 3 dicembre – Abendua 3 larunbata
@ Cineclub Detour
Via Urbana 107 – Rione Monti
21:00
ingresso libero – sarrera doan

Proiezione dei documentari Mur(s) e Ni Nuzu di Myriam Aizager. La regista sarà presente in sala.

Myriam Aizaguer (Hendaya) lavora come montatrice e documentarista. Oltre al suo lavoro di realizzatrice collabora con numerosi progetti audio e video come Soinumapa, Audiolab, Ertz…

Sinossi

– MUR(S)
Documentario. 56’. DVCAM et Super8. VO francese – sott. italiano. 2004.
Prodotto da: “productions de la Lanterne” e “VOI Sénart”, con la partecipazione di “Centre National de la Cinématographie”.

“Rue de la Santé”. La targa sulla quale sono scritte queste parole è avvitata su un muro spesso e sporco, un muro carico di storia(e), un muro di prigione, quello dell’ultimo carcere di Parigi, la casa di detenzione di La Santè. Da un lato del muro, delle persone sono private della libertà, rinchiuse e spesso in isolamento. Dall’altra la vita dei passanti e degli abitanti del quartiere si svolge tra attività diverse. MUR(S) parla di questo lato del muro e il mondo carcerario vi appare solo in filigrana, per quello che può riflettere della e nella “società dei liberi”. Racconta la quotidianità di un singolare quartiere di Parigi, negli otto incroci formati dalle strade direttamente adiacenti ai muri del carcere.

– NI NÜZÜ
Documentario sonoro. 46’. VO basco Sott. italiano. 2011. Prodotto da “ARTegia”.

In alcuni borghi dei Paesi Baschi, le case hanno un nome che è rimasto uguale da generazioni e che ha da sempre definito sia l’identità sociale della casa che dei suoi abitanti. In questo documentario sonoro, la regista ritorna in una fattoria in montagna a Sainte- Engrâce – la casa di sua nonna – una casa rimasta sospesa, dove l’attività agricola si è interrotta. Con i suoi microfoni e l’aiuto della famiglia, registra i suoni del quotidiano nella vecchia casa e cerca di far rivivere quelli di una volta. Il montaggio mescola questi suoni a dei frammenti di discussioni registrate nel corso di questa ricerca sul mito della casa basca. La nonna e alcuni testimoni dei paesi circostanti parlano del nome delle loro case, dell’uso che se ne fa nella vita della comunità, del loro eventuale significato…

Euskal Herriko herri gehienetan, etxe bakoitzak badu izen bat, betidanik berdina, etxeari eta etxekoei nortasuna ematen diena. Ni nüzü soinuzko dokumentalean, egilea Santagraziko etxalde batetara itzultzen da, bere amonaren etxera, segidarik gabe egon den baserri bat eta non laborantxako lanak geldituak diren iada. Bere mikrofonoekin eta familiaren laguntzarekin, etxe zaharrean eguneroko soinuak grabatzen ditu eta haur denborako soinuen berpizten entseatzen da. Lan honek nahasten ditu soinu horiek eta ahots batzuk – amonarena, ondoko herrietako jakile batzuena – etxe izenei buruz mintzatzeko: zoin da herrietan izen horietaz eginik den erabilera, zoin den bere ustez izen horien esanahia…

I commenti sono chiusi.