Archivi del mese: novembre 2013

Nuovo disco di Joseba Tapia

Joseba Tapia presenta il nuovo disco e tour. Prima tappa: Roma 7 dicembre!

Leggi la notizia sul quotidiano in euskara Berria.

Ascolta in anteprima una canzone.

Festa dell’euskara allo Spazio Oxygene

Martedì 3 dicembre 2013
Spazio Oxygene

Via San Tommaso D’Aquino 11/A (Metro Cipro)
dalle 19:00

Apericena

Proiezione di Gartxot
Film di animazione basato su un omonimo libro del 1917, che narra la storia di un bardo bandito dal suo paese che lotta per liberare il figlio rimasto ostaggio del nuovo Abate di Roncisvalle, che lo vuole far diventare un monaco cantore. Questo è il primo lungometraggio animato interamente in euskara. E’ stato selezionato dai più importanti festival di animazione del mondo e ha vinto dei premi al “Auburn film festival” in Australia e al festival “Les nuits magiques” in Francia.

Presentazione della Mappa sonora del Lazio
PARCODEISUONI.NET
è un progetto online pubblico e partecipativo basato sulla “fonografia”, ovvero l’arte di registrare il paesaggio sonoro che ci circonda, ed il cui obiettivo è quello di rendere disponibili registrazioni di campo (field recordings ) e condividerne l’ascolto e l’utilizzo. E’ una pagina web con una mappa sonora collaborativa di carattere aperto, dove è possibile consultare, caricare, ascoltare e condividere liberamente registrazioni di campo realizzate in vari paesi, città e luoghi del Lazio, che restituiscono, ognuna a suo modo, un ritratto dell’ambiente sonoro di ciascun luogo: ambienti e rumori delle città, paesaggi sonori delle campagne, animali, feste e celebrazioni, luoghi, eventi…

Dì-Esan
Il 3 dicembre è la festa della lingua basca, e come altre volte in passato, è per noi l’occasione di raccogliere frasi, sussurri, messaggi in euskara con tutte e tutti i partecipanti alla serata. Guarda i video girati negli anni scorsi!

Entrata libera

Abendua 3: irakurri euskaraz!

Harkaitz Cano e presentazione di Libe

mercoledì 4 dicembre 2013
Caffè Libreria Giufà

Via degli Aurunci, 38 (San Lorenzo)
h. 19:00

Letture e presentazione del libro
Filo d’erba
di Harkaitz Cano
(Edizioni Chambra d’Oc, 2012)
Insieme all’autore e a Dario Coppola

“Filo d’erba”, opera vincitrice del Premio Euskadi di Letteratura, parte da due storie, due semi-favole che accadono in due momenti differenti: una basata su un evento reale, il trasporto in nave dei pezzi ancora smontati della Statua della Libertà da Parigi a New York nel 1886, l’altra, inventata, l’invasione nazista di Manhattan. Le storie sono legate da fili sottili: con uno l’autore costruisce la favola di un ex minatore francese, Olivier, che emigra a New York nascosto nella corona della Statua della Libertà; attraverso un altro filo parallelo si scopre la piccola tragedia di un prigioniero della squadra navale di Hitler, il comico Charlie Chaplin, catturato e torturato per essersi preso gioco del dittatore nel suo celebre film.

Un’ucronia militare dell’invasione nazista degli Stati Uniti nata per caso durante un viaggio a Parigi, al posto del libro che Harkaitz Cano era andato a scrivere nella capitale francese, e che non è mai stato terminato.

 

Harkaiz Cano ha iniziato la sua esperienza letteraria nel collettivo Lubaki Banda. Nonostante la sua giovane età, la sua bibliografia comprende diversi generi: poesia, romanzo, racconti… ed è considerato uno degli scrittori più affermati della nuova letteratura basca. Tutte le opere pubblicate fino ad ora hanno avuto un grande successo editoriale.  Harkaitz Cano è stato già ospite dell’Associazione Culturale Euskara e del Dipartinmento di Lingua e Cultura Basca dell’UPTER  nel 2010. Ha proposto due eventi che puoi trovare tra le nostre PUBBLICAZIONI on-line:

– La performance “Nelle voci”, realizzata in italiano dopo essere stata  da noi tradotta. Si può ascoltare e scaricare da questo link.
– Le letture fatte con la poetessa Rita Iacomino. E’ possibile scaricare il libretto della serata a questo link.

Dario G. Coppola è critico e blogger letterario, conoscitore del mondo della nuova editoria ed esperto di letterature minoritarie.

 

Durante la serata verrà presentato il progetto Libe edizioni, casa editrice di ebook di letteratura basca.

Entrata libera

Abendua 4: irakurri euskaraz!

Gazta zati bat (un pezzo di formaggio)

Giovedì 5 dicembre 2013
Proiezione del documentario
Gazta zati bat
(un pezzo di formaggio)
di Jon Maia

Cineclub Detour
Via Urbana, 107 (Rione Monti)
h. 20:00 Aperitivo con stuzzichini al bar del Detour
h. 21:00 Proiezione

Durata: 90’
Anno:
2012
Lingua:
v.o. in Euskara con sottotitoli in italiano

Questa storia inizia in un piccolo paese dei Paesi Baschi, conosciuto in tutto il mondo per il suo formaggio. Gli abitanti si lasciano alle spalle le divisioni createsi durante l’ultimo conflitto armato in Europa per raggiungere un obiettivo: poter scegliere il loro modo di stare al mondo.  Il sogno di una convivenza basata sul rispetto, e della soluzione dei conflitti attraverso il dialogo.
Un viaggio che li porterà a conoscere la realtà della Scozia, e a imparare da questa esperienza dei nuovi fondamenti del vivere in comune, lasciandosi alle spalle i vecchi conflitti e cercando una nuova via affrontare la complessa questione dell’identità dei popoli.
Una grande storia scritta in miniatura. Un documentario che guarda verso il futuro.

I sottotitoli in italiano sono a cura dell’Associazione Culturale Euskara e del Dipartimento di Lingua e Cultura Basca dell’Upter.

Entrata 3 euro

Abendua 5: irakurri euskaraz!

Serata di Pintxos

Venerdì 6 dicembre 2013
Hula Hoop

Via De magistris, 91(Pigneto)
dalle 19:00

I Pintxos sono dei piccoli capolavori gastronomici tipici dei Paesi Baschi. Se li volessimo descrivere con una terminologia più moderna, anche se la loro storia è ben più antica, potremmo chiamarli appetizer, o precursori del finger food; insomma dei veri e propri concentrati di alta cucina. Quest’anno l’immancabile appuntamento della settimana basca romana con i Pintxos, vedrà ai fornelli Libero Bruno Maggi.

Maitre, sommelier, barman romano, si è trasferito nei Paesi Baschi, a cui già era legato da profonda passione culturale ed enogastronomica, sette anni fa. Da lì ha poi lavorato in alcuni dei migliori ristoranti della penisola iberica. Lui si presenta così:“con la scusa di lavorare in alcuni dei migliori ristoranti come sommelier e Maitre (questo il suo mestiere), per sette anni mi sono  intrufolato nelle cantine e nelle cucine di ogni posto che lavorasse con sapienza i prodotti locali. Dai casali sperduti ai grandi ristoranti passando per ogni bar e taverna di paese mangiando e curiosando tra i fornelli e le cantine. La mia traiettoria professionale, nei sette anni vissuti in Euskal Herria, mi ha portato ad essere il sommelier del Mugaritz, il secondo Maitre del Nerua, a poter gironzolare nella cantina del Celler de Can Roca e, insomma, a toccare con mano la vivace alta cucina della penisola iberica.

Eppure le esperienze che mi hanno marchiato a fuoco, e a fornello, sono quelle vissute nei bar e taverne della Bizkaia profonda, dove tutto è cominciato e dove per lungo tempo mi sono occupato delle retrovie dove si preparano quelle semplici delizie che chiamiamo pintxos.

 

Durante la serata si terrà lo spettacolo di affabulazione e musica “santi balordi e poveri cristi” di e con Flavia Ripa e Giulia Angeloni.

Entrata libera con sottoscrizione a cappello per lo spettacolo

Abendua 6: irakurri euskaraz!

Concerto Joseba Tapia e Luis Fernandez e Funkallisto

Sabato 7 dicembre 2013
Concerto
Joseba Tapie e Luis Fernandez (Euskal Herria)
Funkallisto (Roma)
Cinema America Occupato
Via Natale del Grande, 6 (Trastevere)
h. 22:30

Joseba Tapia, accompagnato dal violoncello di Luis Fernadez, presenta a Roma il suo nuovo disco “Tximela Capitainaren Izarrak”.

Tapia è famoso come organettista e cantante ed ha alle sue spalle decine di successi ormai  nella memoria collettiva dei Paesi Baschi.

In questo disco, per la prima volta, suona la chitarra e passa dall’allegria e il ballo, elementi essenziali del suo lavoro degli ultimi 30 anni, a una musica che prova a raccontare la fame, la nostalgia, l’esperienza del carcere ma anche la speranza contenuta nelle poesie di Luis Rezola*, combattente della Guerra Civile spagnola.

Un cambiamento radicale per un’artista già affermato, che si presenta  come una grandissima sorpresa musicale e di cui già tanto si sta parlando in Euskal Herria (Paesi Baschi). Il disco è stato appena pubblicato e Roma sarà uno dei primissimi concerti, in attesa del tour 2014.

I Funkallisto nascono nel cuore pulsante di trastevere (Roma) nel 2004.  La musica afroamericana degli anni 70 è la radice del loro repertorio originale e riarrangiato in chiave funk, afro beat e latin con un “tocco”rigorosamente “FUNKALLISTO”.  I loro spettacoli sono una sequenza inarrestabile di brani che agitano anime e gambe. In cinque anni di attività si sono esibiti nelle più variegate situazioni: dalla strada fino alle rassegne e i club più importanti  della penisola, riscutendo sempre un gran successo. Il disco  ”Live a Ponte Sisto” è stato registrato in estate sullo storico ponte pedonale romano, che Insieme al precedente lavoro auto-prodotto hanno raggiunto le 10.000 copie vendute ai concerti! Nel 2010 è la volta di “Soul Ragù” che vede la partecipazione di Adriano Bono (Radici nel Cemento) e Daouda Mbow (Afro Beat Messengers). Al momento si dividono dalla sempre florida attività live e la registrazione del terzo album.

* Luis Rezola, appartenente a una delle brigate basche che combatterono sul fronte dei Repubblicani, viene arrestato nel 1937 dalle truppe italiane e condannato all’ergastolo. Liberato nel 1940, continuò a lavorare per la resistenza e fu nuovamente incarcerato. Durante gli anni ’50 iniziò a scrivere poesie con la metrica dei versi improvvisati tipici della cultura basca (Bertsos), che stampava e diffondeva da solo. I suoi testi vennero successivamente raccolti nei due volumi di  Bakardadeko ametsak (Sogni della solitudine).

Durante il concerto verranno proiettate le traduzioni dei testi in italiano.

Entrata libera

Abendua 7: irakurri euskaraz!

Euskal astea – Settimana basca Roma 2013

Locandina Euskal astea 20133  dicembre

Festa dell’euskara. Apericena, proiezione di Gartxot, presentazione della Mappa sonora del Lazio, Dì-esan.
dalle 19:00 @ Spazio Oxygen – Via San Tommaso D’Aquino, 11/A (Metro Cipro)
Entrata libera

4 dicembre
Presentazione del libro “Filo d’erba” di Harkaitz Cano e presentazione della casa editrice Libe edizioni.
h. 19:00 @ Giufà – Via degli Aurunci, 38 (San Lorenzo)
Entrata libera

5 dicembre
Proiezione del documentario “Gazta Zati Bat” di Jon Maia
h. 21:00 @ Cineclub Detour – Via Urbana, 106 (Rione Monti)
Entrata 3 euro

6 dicembre
Pintxos! Serata gastronomica e spettacolo di teatro/musica
dalle 19:00 @ Hula Hoop – Via De magistris, 91 (Pigneto)
Entrata libera e sottoscrizione “a cappello” per lo spettacolo

7 dicembre
Concerto di Joseba Tapia e Luis Fernandez (chitarra e violoncello – Euskal Herria)
e Funkallisto (Roma)
h. 22:00 @ Cinema America Occupato – Via N. del Grande, 6 (Trastevere)
Entrata libera

Organizzato da:
Associazione Culturale Euskara
Dipartimento di Lingua e Cultura basca dell’Upter
Libe edizioni

Articolo su Casapound

Segnaliamo che su uno dei blog della pagina web del settimanale Argia è uscito un articolo in Euskara sul gruppo neofascista italiano Casapound, a firma di Xuban Zubiria.

Questi i link:

www.argia.com
http://www.argia.com/blogak/xuban-zubiria/2013/11/13/casa-pound-modan-dagoen-ultraeskuina/

Il coro Donostiako Orfeoia a Milano

Il coro Donostiako Orfeoia (Orfeon Donostiarra) sarà ospite dell’Orchestra Giuseppe Verdi di Milano i prossimi 21 e 23 novembre. Saranno impegnati nell’esecuzione dell’Ottava Sinfonia di Gustav Mahler.

MUSIKA. Donostiako Orfeoiak kontzertuak eskainiko ditu Milanen (Italia) azaroaren 21ean eta 23an, Giuseppe Verdi Orkestra Sinfonikoak gonbidatuta. Gustav Mahlerren Zortzigarren sinfoniainterpretatuko dute. Kontzertu bereziak izango direla azaldu dute orfeoikoek, musikagile txekiarraren sinfonia hori oso gutxitan programatzen baitute, musika tresna eta abeslari asko eskatzen dituelako, hain zuzen ere.

Paleosidra palolitica

articolo di Jakoba Errekondo
pubblicato sul settimanale in euskara ARGIA,
numero 2.391 del 17 Novembre 2013

http://www.argia.com/argia-astekaria/2391/paleosagardoa

L’altra volta parlavo della gastronomia = mulonomia. Anche se lo scrittore di genio che fu Montalban mi fecce capire che sono contro la gastronomia, mi è difficile pensare ad un mobile da me più venerato della tavola. Bisogna alimentare la macchina che muove la testa. Mangiare e bere. Un produttore di sidro scrive così nell’etichetta: “ bere e far bere”. Si è tanto imparato sul mangiare-bere nella nostra tavola, io soprattutto.

Moko=McIntosh, mela al quadrato. Per molti enologi di oggi, la varietà di mela Moko è la migliore per fare il sidro. Bisognerebbe chiedere agli amanti della sidra (la sidra, il sidro). L’ho imparato a tavola: un anno non ci furono mele e pare che arrivò un treno pieno di mele McIntosh. E che sidra che ne uscì!  Da quell’anno, nei frutteti di meli non manca la varietà Makintox. Mac, McIntosh e la mela, Apple. (altro…)

Pagina 1 di 212