• La compagnia di danza Arteballetto ha presentato questa settimana due lavori al Teatro Arriaga di Bilbao con coreografie di Mauro Bigonzetti, basate su musiche di Haendel e Giacomo Rossini suonate al pianoforte dal pianista Bruno Moretti.

    _________________

    Aterballetto Italiako konpainiak dantza saioa eskaini du Bilboko Arriaga Antzokian aste honetan.
    Mauro Bigonzetti koreografoaren bi lan eskaini dituzte, Haendel eta Rossini konpositoreen musikekin, Bruno Moretti pianistak zuzenean jota.

  • Intervista sul giornale BERRIA al musicista, poeta e traduttore Valerio Piccoli (Caserta 1968).

    Valerio Piccoli (Caserta 1968) musikari, poeta eta itzultzaileari elkarrizketa, BERRIA egunkarian.

  • Respinta la richiesta di arresti domiciliari per Carlos García Paredo.
    Lo scorso 12 marzo si è tenuta presso il tribunale di Roma l’udienza per valutare la richiesta di arresti domiciliari avanzata dagli avvocati di Carlos García Paredo, il militante basco arrestato a Roma lo scorso 25 febbraio.
    Dopo alcuni giorni, i giudici hanno comunicato agli avvocati della difesa di aver respinto la richiesta di arresti domiciliari, e pertanto il militante basco rimane in regime di isolamento nel carcere romano di Rebibbia.
    Nelle prossime ore dovrebbero essere comunicate le motivazioni della decisione, in base alle quali i difensori di Carlos García Paredo valuteranno la possibilità di fare ricorso.
    Nelle prossime settimane dovrebbero arrivare da Madrid i documenti relativi alla richiesta di estradizione.
    Diverse iniziative di sostegno a Carlos García si stanno tenendo a Roma e in diverse città italiane, per raccogliere fondi per le spese legali, e per diffondere informazioni sul caso.

  • Il 19 marzo è iniziata, nel paese di Urepele, la diciannovesima edizione della Korrika, la staffetta popolare e di massa che si corre ogni due anni in Euskal Herria a sostegno della lingua basca e, nello specifico, di AEK, il coordinamento che da decenni si occupa dell’alfabetizzazione e diffusione dell’euskara.
    Fino a domenica 29 marzo, giorno di arrivo e chiusura della manifestazione a Bilbao, centinaia di migliaia di partecipanti accoglieranno in città e paesi dell’intera geografia basca il testimone che, senza mai fermarsi, rappresentanti di associazioni, movimenti, organizzazioni, imprese e istituzioni si passeranno di mano in mano lungo gli oltre 2000 km del percorso.
    L’edizione di questo anno si caratterizza per il motto Euskahaldun!, che indica chiunque sia legato e coinvolto nel supporto alla lingua basca (parlandola, studiandola o comunque lavorando a favore dell’euskara).
    Il km 2260, previsto nel paese bizkaino di Barazar nel tardo pomeriggio di sabato 28 marzo, sarà corso da rappresentanti del comitato Un caso basco a Roma.
    Domenica 22 marzo alle ore 19, presso il centro Sociale La Strada di Via Francesco Passino 24, a Garbatella, durante un aperitivo, il comitato Un caso basco a Roma presenterà la delegazione in partenza per la Korrika 2015

  • Lo scrittore e poeta Jose Angel Irigaray parteciperà in due eventi riguardante la poesia che si svolgeranno in Veneto.
    - 21 Marzo 2015, “Poesia basca e Prunent” dialogo con il Prof. Paolo Crosa Lenz
    al Palazzo San Francesco di Domodossola. Ore 17:30
    - 29 Marzo 2015, “Luoghi, sensi … nel viaggio” con la partecipazione di J.A. Irigaray, Eros Olivotto, Alessandro Rinaldi e Pierluigi Perosini

  • Il settimanale in lingua basca Argia, pubblica un articolo sulla recente elezione del nuovo consiglio direttivo dell’Associazione Culturale Euskara.

    Qui, l’articolo integrale in Euskara.

  • La casa editrice IGELA ha appena pubblicato Adiskide paregabea (L’amica geniale) della scrittrice Elena Ferrante, tradotto all’euskara da Fernando Rey.
    Qui puoi trovare l’elenco dei libri tradotti Italiano – Euskara Euskara – Italiano.
    Se conosci altri libri tradotti che mancano dall’elenco, faccelo sapere!

  • Lo scorso 25 febbraio è stato arrestato a Roma, dove viveva e lavorava da 14 anni, il militante indipendentista basco Carlos García Paredo, condannato a 16 anni di carcere dai tribunali spagnoli per reati di “guerriglia urbana” (kale borroka) risalenti al 1997.
    Il 27 febbraio, presso la IV sezione della corte di appello di Roma, si è svolto l’interrogatorio di convalida dell’arresto. Il militante basco ha rifiutato l’estradizione immediata, e i suoi avvocati hanno fatto richiesta formale di arresti domiciliari, nell’attesa dell’invio da parte delle autorità spagnole, entro 40 giorni, degli atti relativi alla richiesta di estradizione. Il giudice, dopo aver rivolto alcune domande all’arrestato, ha confermato lo stato di detenzione in regime di isolamento presso il carcere romano di Rebibbia.
    Giovedi 12 marzo si terrà la prossima udienza, in cui il giudice dovrebbe comunicare la sua decisione relativa all’accoglimento della richiesta di arresti domiciliari.
    Il caso è seguito dalla rete di solidarietà “Un caso basco a Roma”, che sul suo blog pubblica continui aggiornamenti.
    Intervento radiofonico, su Radio Onda d’Urto di Marialuisa D’Addabbo, uno degli avvocati della difesa di  Carlos García Paredo.
    Intervento radiofonico, su Radio Onda Rossa, di un attivista di “Un caso basco a Roma”.
  • Articolo  in euskara di Aritz Galarraga sul settimanale ARGIA dedicato alla grandissima artista e pittrice torinese Carol Rama (Torino 1917) in occasione di una sua mostra importante al Museu d’art contemporani Barcellona.

  • Articolo sul giornale GARA riguardo i movimenti della chiesa basca a Roma dopo la rinuncia di Miguel Asurmendi e la voglia di cambiamento dei settori di maggioranza dentro la diocesi basca.